Proponiamo una bibliografia completa  per chi volesse avvicinarsi o approfondire la tematica della metacognizione,
Si va da testi più scientifici ed accademici a testi di divulgazione e adatti ad acquisire i primi rudimenti.

In merito al senso di autoefficacia e alla motivazione:
A. Bandura (a cura di), (1990), il senso di autoefficacia. Trento: Erikson. Wade, S. E., Trathen, W. e Schraw, G. An analysis of spontaneous study
Bandura, A. (1996), Il senso di autoefficacia personale e collettivo. In A Bandura (a cura di), Il senso di autoefficacia. Trento: Erikson.
Boekaertz ,M. e Boscolo, P. (2002), Interest in learning, learning to be interested. Learning and Istruction, 12.
Bonica, L. e Sappa, V. (2007b), Percezione del setting e cambiamenti nell’approccio allo studio in matricole coinvolte in un progetto di Cooperative Learning, integrato in un corso di Psicologia dello Sviluppo. Atti del II Convegno
Borkowski, J. G., & Day, J. D. 1995. Insegnare la generalizzazione delle strategie: creare convinzioni positive relative al successo e costruire i possibili sé. In C. Cornoldi e R. Vianello (a cura di), Handicap e apprendimento. Ricerche e proposte di intervento. Bergamo: Edizioni Junior.
Boscolo, P. (1997), Psicologia dell’apprendimento scolastico. Aspetti cognitivi e motivazionali. Torino: UTET.
De Beni, R., Moè, A. e Cornoldi, C. (2003), AMOS. Abilità e motivazione allo studio: prove di valutazione e orientamento, Erickson, Trento.
Deci, E. e Ryan, R. (1985), Intrinsic motivation and self-determination in human behaviour, Plenum Press, New York.
Krapp, A. (1999), Interest, motivation and learning. European Journal of Psychology of Education, 14 (1).
Marini, F. , (1990) Successo e insuccesso nello studio. La teoria attribuzionale della motivazione scolastica. Milano, Franco Angeli.
Stipek, D.J. , 1996 La motivazione nell’apprendimento scolastico. Fondamenti teorici e orientamenti operativi. Torino, SEI.
Stipek, D.J. (1993), Motivation to learn. From theory to practice. Boston, MA: Allyn & Bacon. (ed.it. La motivazione nell’apprendimento scolastico. Torino: SEI, 1996)

In merito ai metodi di studio e di memorizzazione:
Albanese, O. e Fiorilli, C. (2001), Studiare all’Università: nuovi contesti di apprendimento. Psicologia dell’educazione e della formazione, 3.
Atkinson, R.C. e Raugh, M.R. (1975), An application of the mnemonic keyword method to the acquisition of a Russian vocabolary. Journal of Experimental Psychology: Human Learning and Memory, 1.
Ausubel D.P. (1968), Educational psychology: A cognitive view. New York
Autori Vari, (1993) Professione studente: Itinerario per l’acquisizione del metodo di studio, EURELLE Edizioni, Torino
Begg, I., Duft, S., Lalonde, P., Melnick, R. E Sancito, J. (1989), Memory predictions are based on ease of processing, Journal of memory and Language.
Biggs, J.B. (1987), Student approaches to learning and studying. Victoria, Australia: Brown Prior Anderson.
Boscolo, P., 1981. Intelligenza e differenze individuali. In A.A.V.V., Intelligenza e diversità. Torino, Loescher.
Brown, A. (1980), Metacognitive development and reading. In R.J. Spiro, B.C. Bruce e W.F.
Buzan, T. (1996). The Mind Map Book. Penguin Books.
Cornoldi, C. (1986), Apprendimento e memoria nell’uomo, Torino, UTET.
Cornoldi, C. (1987), Origins of intentional strategic memory in the child. In B. Inhelder, D. De Caprona e A. Cornu-Wells (a cura di), Piaget today. Hillsdale: Erlbaum.
Cornoldi, C. (1995), Metacognizione e apprendimento, Bologna, Il Mulino.
Cornoldi, C. (1999), Le difficoltà di apprendimento a scuola. Bologna, Il Mulino.
Cornoldi, C. e Caponi, B. (1991), Memoria e metacognizione. Trento: Erickson.
Cornoldi, C., De Beni, R. e Gruppo MT (1993), Imparare a studiare. Trento. Erickson.
Cornoldi, C., De Beni, R. e Gruppo MT (2001), Imparare a studiare 2. Strategie, stili cognitivi, metacognizione e atteggiamenti nello studio. Trento: Erickson.
De Beni, R. (1984), La ricerca sperimentale sulle mnemotecniche. Una rassegna. Giornale Italiano di Psicologia, 11.
De Beni, R. (1991), Metacognizione e stili attributivi. In R. Vinello e C. Cornoldi (a cura di), Stili di insegnamento e handicap. Bergamo: Iuvenilia.
Derry, S.J. (1990),Learning strategies for acquiring useful knowledge. In B.F. Jones e L. Idol (a cura di), Dimensions of thinking and cognitive instructions. Hillsdale, NJ, Lawrence Erlbaum.
Pazzaglia F ., A. Moè, G.Friso, R. Rizzato (2002).La Metacognizione: ponte tra il pensiero e la motivazione. Università di Padova
Glenberg, R., Wilkinson, A.C. e Epstein, W. (1982), The illusion of knowing: failure in the self-assesment of comprehension. Memory and Cognition, 10.
Mastropieri, M.A. (1993), Uso della mnemotecnica nell’insegnamento a studenti con disturbi di apprendimento. In R. Vianello e C. Cornoldi (a cura di), Disturbi di apprendimento: proposte d’intervento. Congresso Internazionale CNIS (pp.15-32). Bergamo: Juvenilia.
Mastropieri, M.A. e Scruggs, T.E. (1991), Strategies for learning mnemonically. Cambidge, MA: Brookline Books.
Mayer, R.E. (1988), Learning strategies: an overview. In C.E. Weinstein, E.T. 70
Moè, A. e De Beni, R. (1995), Metodo di studio: dalle strategie ai programmi metacognitivi, in Metacognizione ed educazione, Angeli
Pressley, M., Levin, J.R. e Ghatala, E. (1984), Memory strategy monitoring in adults and children. Journal of Verbal Learning and Verbal Behaviour, 23.

In merito alle strategie e difficoltà di insegnamento:
Borkowski, J. G. e Muthukrishna, N. (1994) Lo sviluppo della metacognizione nel bambino: un modello utile per introdurre l’insegnamento metacognitivo in classe
Dario Ianes (1996), Metacognizione e insegnamento, Trento, Erickson Dario Ianes, Sofia Cramerotti e Monja Tait (2007), La dislessia – Il ruolo della scuola e della famiglia, Trento, Erickson
Meazzini, P., Soresi, S. (1990), Insegnare a studiare: un’arte che può essere appresa. Parte prima: lo scenario. Psicologia e scuola.
Meazzini, P., Soresi, S. (1991), Insegnare a studiare. Un’arte che può essere appresa. Parte quarta: mnemotecniche e metodologia di studio. Psicologia e scuola.

In merito alle intelligenze multiple e gli stili di apprendimento:
Howard Gardner, (1994), L’educazione delle intelligenze multiple, Anabasi, Milano
Walter McKenzie, (2006), Intelligenze multiple e tecnologie per la didattica. Strategie e materiali per diversificare le proposte di insegnamento, tradotto daG. Lo Iacono, Edizioni Erickson.
Zamperlin, C. e De Beni, R. (1997), Differenze individuali nell’apprendimento: stili cognitivi, strategie e flessibilità nello studio. Difficoltà di apprendimento.

In merito alle difficoltà di apprendimento e DSA:
Andrea Biancardi, Gianna Milano (2003), Quando un bambino non sa leggere, Milano, Rizzoli
Atkinson, R.C., Shiffrin, R.M. (1968), The psychology of learning and motivation, New York, Academic Press
Bishop DV, Snowling MJ. (2004), Developmental dyslexia and specific language impairment: same or different? Phychol Bull.
Brizzolara D., Chilosi A.M., Cipriani P., De Pasquale L. (1994), L’apprendimento del linguaggio scritto nei soggetti con difficoltà di acquisizione del linguaggio: Continuità o discontinuità? In: Apprendimento e patologia nei primi anni di scuola, Roma, Borla
Camaioni L. (2001), Psicologia dello sviluppo del linguaggio, Bologna, Il Mulino
Cesare Cornoldi (1999) Le difficoltà di apprendimento a scuola, Bologna, Il Mulino
Cesare Cornoldi, Beatrice Caponi (1991), Memoria e metacognizione, Erickson, Trento, Erickson
Chiara De Grandis, (2007), La dislessia: interventi della scuola e della famiglia, Trento, Erickson
Chilosi A.M., Cipriani P. e Fapore T., (2003), I disturbi specifici del linguaggio. In: I disturbi dello sviluppo, Bologna, Il Mulino
Cipriani P, Chilosi A.M, Pfanner L, Villani S, Bottari P. (1998), Il ritardo nel linguaggio in età precoce: profili evolutivi ed indici di rischio. Indici di rischio nel primo sviluppo, Milano, Franco Angeli
Claudio Vio, Cristina Toso (2007), Dislessia evolutiva. Dall’identificazione del disturbo all’intervento, Roma, Carocci
Cornoldi et alii (1993), Imparare a studiare, Trento, Erikson;
Cornoldi et alii (1995), Metacognizione e apprendimento, Bologna, Il Mulino;
De Beni, R. e Moè, A. (1996), Stile attributivo e abitudini di studio: confronto fra soggetti normali e con difficoltà di apprendimento. Orientamenti pedagogici, 43.
De Beni, R. e Moè, A., Difficoltà di studio. Un intervento metacognitivo con studenti universitari, in Psicologia clinica dello sviluppo a. l., n. 3, dicembre 1997. De Beni, R. e Zamperlin, C. (1993), Guida allo studio del testo di storia. Trento. Erickson.
D. Elkind, J. Flavell (1972), Jean Piaget e lo sviluppo cognitivo, Roma, Astrolabio
Denes G, Pizzamiglio L. (1996), Manuale di neuropsicologia, Normalità e patologia dei processi cognitivi, Bologna, Zanichelli
G.Mazzoni (2000), L’apprendimento, comportamento, processi cognitivi,Carocci;
Gross-Glenn, et al. (1986), Positron Emission Tomographic Studies during Serial Word-reading by Normal and Dyslexic Adults, Journal of Clin. Experimental Neurophysiology
Hammill, D. D. (1988), On defining learning disabilities: An emerging consensus, Journal of Learning Disabilities, Grune & Stratton, New York, Academic Press
L. Campioni (2004), Psicologia dello sviluppo del linguaggio, Bologna, Il Mulino
Ladavas E, Berti A. (1995), Neuropsicologia, Bologna, Il Mulino�
Orton, S. T. (1925). Word-Blindness in School Children. Archives of Neurology and Psychiatry.
Pierluigi Zoccolotti, Paola Angelelli, Anna Judica, Claudio Luzzatti (2005), I disturbi evolutivi di lettura e scrittura, Roma, Carocci
Renzo Vianello, Cesare Cornoldi (1997), Metacognizione e sviluppo della personalità, Junior, Bergamo
Scalisi T.G, Pelagaggi D, Fanini S. (2003), Apprendere la lingua scritta: le abilità di base, Carocci
Stella G. & Marini A. (2002), Studio epidemiologico sulla prevalenza dei disturbi del linguaggio nei soggetti in età prescolare. In: Indici di rischio nel primo sviluppo del linguaggio, Milano, Fanco Angeli
Ugo Pirro (1981), Mio Figlio Non Sa Leggere, Milano, Rizzoli
Zoccolotti P, Angelelli P, Judica A, Luzzatti C. (2005), I disturbi evolutivi di lettura e scrittura, Carocci Faber